TTSVGEL.it

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Il laboratorio Rossini ha eseguito i test presso un centro di ricerca biologica accredidato al fine di dimostrare l'alta biocompatibilità dei dispositivi in lega nobile e resi bioinerti con Ttsvgel.
http://rossinilaboratorio.altervista.org/ttsv-gel/
Il Laboratorio Rossini produce dispositivi protesici in lega nobile e li certifica come altamente biocompatibili.

TTSV GEL

LA SOLUZIONE AI POLIOSSIDI

Le leghe metalliche usate per la costruzione delle protesi dentarie mobili ma soprattutto fisse, sono state concepite allo scopo di non nuocere all’organismo, ma purtroppo pur essendo vicine a questo traguardo, non lo hanno ancora raggiunto, spesso per esigenze dettate dall’uso cui sono destinate.

Insieme all’Oro, base di queste leghe, sono associati altri componenti metallici come il Palladio, l’Indio, l’Iridio, il Gallio, l’Argento ed anche il Rame, che durante i processi di fusione della lega e di preparazione del manufatto protesico, sviluppano sia in superficie che in profondità OSSIDI che a contatto con la saliva e i tessuti parodontali (quelli che circondano i denti) rilasciano IONI metallici che possono esplicare azione tossica sia localmente che in tutto l’organismo.

Si possono facilmente ascrivere all’azione tossica locale fenomeni come: eccessiva produzione di placca con relativo sanguinamento delle gengive, tatuaggi gengivali,afte, stomatiti, arrossamento della lingua, alterazioni del gusto, iperplasie gengivali associate a parodontiti croniche responsabili di riassorbimento osseo.
Gli effetti sistemici invece possono manifestarsi in varie parti del corpo con allergie, eczemi, disturbi oftalmici, disturbi neurologici, patologie gastroenteriche, riniti, faringiti, acufeni e via dicendo.

TTSV Gel


Questo trattamento incide solo in piccola percentuale sul costo finale al paziente, ma garantisce che la sua protesi dentaria non procuri danni alla sua salute ma solo MIGLIORAMENTO E SODDISFAZIONE.Ecco la risposta a queste problematiche. E’ un prodotto che impiegato in laboratorio con uno specifico protocollo d’uso durante la lavorazione delle leghe metalliche nobili e/o preziose, impedisce la formazione di quegli OSSIDI
responsabili di tutte quelle patologie che abbiamo elencato.

Questo protocollo è stato testato da università e da centri di rilevanza scientifica e accreditati per le certificazioni di ricerca biologica che hanno dimostrato non solo l’efficacia ma che i nostri manufatti sono totalmente non citotossici, altamente biocompatibili.

Si rilascia un certificato di Conformità attestante la NON tossicità delle ricostruzioni protesiche che hanno utilizzato il protocollo TTSV Gel,  risultati eseguiti in vitro dai Laboratori MERIEUX NutriSciences – Chelab srl.

La pagina dedicata agli esiti dei test

Il documento Pdf.

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Romeo Pascetta

Cappetta chimica per manipolazione di sostanze tossiche serie CHEMISAFE HOOD
Vasche ultrasoniche

Cappetta chimica per manipolazione di sostanze tossiche serie CHEMISAFE HOOD - Labsistem 

Per visionare caratteristiche e dati tecnici scaricare il file .pdf : Clicca qui

LAVATRICI AD ULTRASUONI “SONICA”

Sito webhttp://www.labsistem.com

Telefono: +39 055 876118

Fax: +39 055 8790288

Indirizzo postale: Via Roma, 234 - 50058 Signa (FI) ITALY

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
Ebbene.... da quando è entrata in vigore la normativa europea la 93/42 , tutti i produttori di dispositivi protesici per legge sono obbligati a redigere e rilasciare il certificato di conformità per ogni dispositivo emesso sul mercato, bene... chi non lo fa gli viene applicato una sanzione €. 5000,00 per ogni dispositivo.
La normativa prevede che tutti i prodotti utilizzati per la costruzione di detti dispositivi devono essere certificati con il marchio CEE, siamo sicuri che essi lo sono?
Naturalmente ... anche se lo fossero, purtroppo quando l'operatore trasforma il materiale, per tutta una serie di motivi di interfereze e dinamiche chimiche, il marchio diventa inesistente, non sussiste più. A questo punto, visto la normativa che tutela la salute del consumatore e la trasparenza riguardo la consapevolezza di ciò che viene venduto, gli operatori ( odontotecnici) per assicurare il prodotto e la sua biocompatibilità nel redigere il certificato, siccome loro non hanno le competenze, non hanno la tecnologia, ne le conoscenze scientifiche e non sono accreditati presso le istituzioni come laboratori di ricerca biologica, prima di farlo, devono procedere con la richiesta ad un laboratorio propriamente di ricerca biologica di effettuare dei test di citotossicità con dei provini a campione secondo i loro protocolli di lavoro, per dimostrare che la loro lavorazione e i loro dispositivi prodotti non sono citotossici, sono biocompatibili.
Loading...
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Conf. TTSV.GEL 50 ml. (per il trattamento termico)

Pennellino piatto piccolo a setole sintetiche (per l'applicazione del prodotto)

Base ceramica kit-porta supportini (per il trattamento termico)

THERMOZ (cuscinetto quarzo - 12 pz. contray per il trattamento termico senza i supportini)

Conf. 25 pz. Supportini in cera da fondere con la propria lega preziosa per ceramica (per il trattamento termico)

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
Incontro formativo
"LA SOLUZIONE AL PROBLEMA DEGLI OSSIDI"
Padova. 5 Novembre 2010
 
"L’importanza della scelta dei materiali, diventa necessaria in un mercato in cui è sempre più presente l’importazione di protesi da paesi emergenti che spesso non offrono nessuna garanzia per i pazienti utilizzatori"Sabato 27 Novembre 2010 alle ore 9,30 nella sede dell’Unione Provinciale Artigiani di Padova – P.za De Gasperi, 22, organizzato dalla EBAV, si è tenuto l’incontro informativo su come scegliere una lega nobile e come migliorare le caratteristiche metallografiche che impiegate nella realizzazione di dispositivi medici odontoprotesici, soprattutto in relazione alla BioIntegrazione, all’alto contenuto estetico e in relazione a una maggiore economicità.
I relatori: Rosario Muto Odontotecnico C.T.U. Trib Prato e BioRicercatore autonomo, il Dott. Nicola Della Valle, laureato in scienze Biologiche, esperto di presidi medico chirurgici naturale e biocompatibili in ambito medico e odontoiatrico, hanno evidenziato tutta una serie di immagini di casi reports e concetti in relazione ai comportamenti pericolosi dei materiali e loro reazioni naturali fisico-chimico a contatto invasivo e non, con il corpo umano.
Successivamente hanno presentato un protocollo denominato TTSVGEL (trattamento termico di inertizzazione cinetica sotto strato vetroso) capace di migliorare tutte le qualità tecniche, estetiche ma soprattutto di poter offrire all’utente finale un dispositivo sicuro nella tutela della salute come dichiara la direttiva ex 93/42 attuale 2007/37.
Purtroppo in questo nuovo scenario della globalizzazione e della aggressiva concorrenza sleale, l’unico affronto è solo l’offerta di una innovazione sotto aspetto della BioQualitàAbstract relazione su elettrogalvanismo. •Le leghe che vengono usate in odontoiatria, anche se controllate per purezza e tollerabilità, in seguito a lavorazione non corretta e soprattutto se si tratta di leghe dette “vili”, possono innescare ossidazione con produzione più o meno marcata di ioni e dare l’avvio a patologie orali o a sintomatologie- all’inizio dette funzionali- ed in seguito tramutarsi in vere e proprie patologie degenerative o addirittura concorrere a deficit od alterazioni immunitarie.A causa della saliva, la presenza di altri inquinanti ambientali e non, una alimentazione non perfettamente adatta, una lavorazione male eseguita in laboratorio anche con riutilizzo massivo di vecchia lega anche se di ottima qualità- per questi ed altri motivi- si modifica e da reticolo cristallino regolare si passa ad una forma instabile con elettroni liberi ed elevato potenziale elettrochimico, con formazione di ossidi che diffonderanno continuamente nell’organismo. Purtroppo, a fine del processo produttivo, qualsiasi oggetto al 99% è inquinato: vuoi per lo stesso passaggio di stato (solido-liquido-solido), vuoi per i materiali stessi utilizzati in tutto il ciclo produttivo, dalla cera al rivestimento, al crogiolo, alle sostanze per la fusione stessa, l’interazione atmosferica, gas, sistemi e materiale di rifinitura, acidi, sabbiature, gli stessi contenuti nel cassetto, l’errato trattamento termico detto di ossidazione, senza dimenticare che alcuni componenti sono loro stessi ritenuti inquinanti.Il corso ha lo scopo di analizzare l’aspetto e il comportamento chimico dei materiali in ambito odontoprotesico, l’imprudenza e/o la tranquillità nel rispetto della propria responsabilità Professionale, di acquisire valore aggiunto intrinseco e nei riguardi della Salute del Consumatore, nonché quello di analizzare un protocollo ed una sostanza che applicata su oggetti metallici in lega soltanto a base nobile e/o aurea durante il percorso di realizzo, muta quella presenza elettrodinamica in una forma statica; questa sistematica non solo inibisce la classica attività elettrogalvanica con la conseguente dissociazione ionica dei metalli verso i tessuti e i liquidi etc. ma, avvalora in modo eccezionale le caratteristiche tecniche qualitative, estetiche e biologiche.Obiettivi didattico/formativi
La presenza di leghe preziose nelle protesi odontoiatriche può comportare l’insorgenza di problemi legati alla composizione delle stesse leghe utilizzate. Vengono fornite cognizioni tecniche e metodologie per consentire, durante la fabbricazione del manufatto protesico, di ovviare successivamente a questi eventuali problemi, mediante trattamenti operati sulle leghe in questione.Si ringrazia la per l’organizzazione la Dott.ssa Valentina Giglio e Il Presidente del Sistema di categoria Odontotecnici F.to Andrea Meneghini

Sottocategorie

FAQ

Mentre la chimica è la scienza infinita che studia i fenomeni della materia, le loro trasformazioni permanenti, la biochimica, scienza dei fenomeni biologici, ne studia il rapporto e la loro convivenza.

Certo è che, fin dal lontano passato a oggi la ricerca ha sempre stimolato chi studia e sviluppa il nuovo, purtroppo però gli interessi di alcuni hanno sempre ostacolato e nascosto quei fenomeni negativi riguardo materiali o sostanze che non rispettano la biocompatibilità.

In questa pagina sono pubblicate relazioni a fronte di ricerche internazionali rivolte a situazioni e patologie dipendenti dall'uso di materiali come in questo caso i metalli o meglio dire le leghe metalliche per la realizzazione di: Dispositivi Medici - Chirurgici e tutti gli oggetti a noi cari come gioielleria ecc.

Il lungo elenco bibliografico mette in evidenza l'importanza del grave problema sentito a livello internazionale in particolar modo nel settore professionale.