TTSVGEL.it

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

As you make your Joomla! site using the extension you will control the details of the display using parameters. Parameters control everything from whether the author's name is displayed to who can view what to the number of items shown on a list.

Default parameters for each components are changed using the Options button on the component toolbar.

Parameters can also be set on an individual item, such as an article or contact and in menu links.

If you are happy with how your site looks, it is fine to leave all of the parameters set to the defaults that were created when your site was installed. As you become more experienced with Joomla! you will use parameters more.

 

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Your installation includes sample data, designed to show you some of the options you have for building your website. In addition to information about Joomla! there are two sample "sites within a site" designed to help you get started with builidng your own site.

The first site is a simple site about Australian Parks. It shows how you can quickly and easily build a personal site with just the building blocks that are part of Joomla!. It includes a personal blog, weblinks, and a very simple image gallery.

The second site is slightly more complex and represents what you might do if you are building a site for a small business, in this case a Fruit Shop.

In building either style site, or something completely different, you will probably want to add extensions and either create or purchase your own template. Many Joomla! users start off by modifying the templates that come with the core distribution so that they include special images and other design elements that relate to their site's focus.

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Nella problematica quotidiana l’Odontoiatra si trova davanti a patologie del cavo orale che spesso dipendono da una scorretta protesizzazione dovuta a un progetto errato o da materiali impiegati.

Sono di comune riscontro fenomeni parodontali e paraprotesici quali flogosi del margine, distacco della giunzione epiteliale, approfondimento del solco con formazione di tasche e retrazione ossea ma anche semplici tatuaggi che sono legati alle caratteristiche del metallo usato.

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Martedì 17 Febbraio 2004

                                                                                 MONTECATINI
                                                                               LA NAZIONE
LA STORIA Tutta colpa di una protesi dentaria: Sandra Cortesi non tollera sostanze metalliche

Cieca per un’allergia
di Virgilia Zarulli

PONTE BUGGIANESE
Improvvisamente ha cominciato ad accusare debolezza.
Era sempre più stanca e le bruciavano gli occhi.
Poi pian piano la vista è cominciata a calare fino a non vederci quasi più.
Ci sono voluti dieci anni per arrivare a capo di questa misteriosa malattia,
che poi tale non si è rivelata, perché la causa di tutto era la protesi dentaria
messa appunto dieci anni prima.
Anni pesanti tra dottori e ospedali in cui tutti si affannavano a trovare il perché
senza pensare che potesse derivare dai denti.
Quei denti chiamati in causa tante volte da Sandra Cortesi, la protagonista di
questa storia, che a tutti i medici ripeteva di avere la sensazione che tutto derivasse da quell’intervento a cui si era sottoposta a seguito di un’esportazione di un granuloma e dei denti in causa e poi l’istallazione di una protesi.
E intanto la vista continuava a diminuire. Finalmente, dopo innumerevoli radiografie e analisi da cui non risultava nulla, si è sottoposta a una prova allergologica ad alcune
sostanze metalliche. Il risultato è stato di un’incompatibilità al 100 per cento. Ecco spiegato tutto! La protesi infatti era in ceramica ma costruita su una struttura in metallo,
più precisamente nichel, a cui Sandra era risultata allergica.
Immediatamente si è tolta la protesi, che purtroppo contengono leghe metalliche e altre sostanze chimiche, alcune delle quali anche nocive come il mercurio.
Se n’è installata un’altra, con una struttura in platino, unico materiale che non le dà fastidio. Da subito è stata molto meglio. Si è sottoposta all’intervento con il laser e ora è tornata a vedere bene. E’ guarita anche da quel nervosismo cronico che l’aveva assalita, quell’ansia di non sapere il perché di ciò che ti sta succedendo. E adesso Sandra pensa agli altri. << Ho incontrato tantissime persone nei tanti centri di allergologia in cui sono stata, che sono lo specchio di una realtà in aumento >> Poi aggiunge: << purtroppo molte persone ancora sono all’oscuro dell’aspetto allergologico e si attiva a far luce sulla natura allergica di certi malesseri solo dopo altre diagnosi errate, con relative tac, ripetute analisi e farmaci, che si rivelano poi assolutamente inutili e quindi dannosi perché assunti senza motivo. Un adulto può comunque descrivere meglio strane sintomatologie e ha più probabilità di essere preso sul serio. Pensiamo invece ai bambini
quando denunciano malesseri all’apparenza immotivati che spesso vengono confusi con normali capricci. Quindi dopo dieci anni di ricerca, vorrei dire di fare attenzione e di non
lasciare come ultima ipotesi la possibilità che certi disturbi provengono da intolleranze o
allergie.

Valutazione attuale: 0 / 5

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
Il danno del NIKEL


Allego un'interessante caso. Trattasi di protesi al Nikel (lo mettono nella lega di acciaio perchè è un antiossidante ma peccato che anche se inibisce l'ossidazione poi esce lui stesso)

P.S. Per gentile concessione di Rosario Muto

 Egr. Sig.
 questo è quanto le leghe metalliche riescono a danneggiare
l'articolo è in allegato jpg  Martedì 17 Febbraio 2004 Montecatini
 LA NAZIONE
 LA STORIA "Tutta colpa di una protesi dentaria: Sandra Cortesi non tollera sostanze metalliche"  Cieca per un'allergia

 Di Virginia Zarulli
 PONTE BUGGIANESE ---

 Improvvisamente ha cominciato ad accusare debolezza.

 Era sempre più stanca e le bruciavano gli occhi. Poi piano piano
 piano la vista è cominciata a calare, fino a non vederci quasi più. 
Ci sono  voluti dieci anni per arrivare a capo di questa misteriosa malattia, che poi  tale non si è rivelata, perché la causa di tutto era la protesi dentaria  messa appunto dieci anni prima. Anni passati tra dottori e ospedali in cui  tutti si affannavano a trovare il perché senza pensare che potesse derivare dai denti. Quei denti chiamati in causa tante volte da Sandra Cortesi, la  protagonista di questa storia, che a tutti i medici ripeteva di avere la  sensazione che tutto derivasse da quell'intervento a cui si era sottoposta a  seguito di un granuloma e dei denti in causa e poi l'istallazione di una  protesi.
 E intanto la vista continuava a diminuire. Finalmente, dopo innumerevoli radiografie e analisi da cui non risultava nulla, si è  sottoposta a una prova allergologica ad alcune sostanze metalliche.

 Ci sono voluti più di dieci anni per arrivare ad una diagnosi- Ora è  tutto risolto.  Il risultato è stato di un'incompatibilità al 100per cento. Ecco spiegato tutto!
 La protesi infatti era in ceramica ma costruita su una struttura in  metallo, più precisamente nichel, a cui Sandra era risultata allergica.
 Immediatamente si è tolto la protesi e le otturazioni di altri denti, che  purtroppo contengono leghe metalliche e altre sostanze chimiche, alcune  delle quali anche nocive come il mercurio. Se n'è installata un'altra, con  una struttura in platino, unico materiale che non le da fastidio.

 Da subito è stata molto meglio. Si è sottoposta all'intervento con il  laser e ora è tornata a vedere bene. E' guarita anche da quel nervosismo  cronico che l'aveva assalita, quell'ansia di non sapere il perché di ciò che  ti sta succedendo. E adesso Sandra pensa agli altri. <<Ho incontrato  tantissime persone nei tanti centri di allergologia in cui sono stata, che  sono lo specchio di una realtà in aumento>>. Poi aggiunge:<< Purtroppo molte persone ancora sono all'oscuro dell'aspetto allergologico e si arriva a far luce sulla materia allergica di certi malesseri solo dopo altre diagnosi  errate, con relative tac, ripetute analisi e farmaci, che si rivelano poi  assolutamente inutili e quindi dannosi perché assunti senza motivo. 
Un  adulto può comunque descrivere meglio strane sintomatologie e ha più  probabilità di essere preso sul serio. Pensiamo invece ai bambini quando  denunciano malesseri all'apparenza immotivati che spesso vengono confusi con normali capricci. Quindi dopo dieci anni di ricerca, vorrei dire di fare  attenzione e di non lasciare come ultima ipotesi la possibilità che certi  disturbi provengano da intolleranze o allergie>>.

 APPELLO Sara finalmente serena: <<Troppe volte non si pensa alle  allergie come causa di patologie>>.
 Sig. la causa scatenante è sempre la stessa ed è quella che attiva un campo elettrogalvanico e la conseguente dissociazione ionica dei metalli  verso i tessuti, è quella responsabile di tutte la forme di intolleranze e  di patologie piuttosto gravi, senza dimenticare in tutte le leghe metalliche  tale causa è del tutto normale, comunque il nichel è un elemento metallico presente in tutte le leghe al cromo-cobalto << acciaio detto anche sanitario>>.

Sottocategorie

FAQ

Mentre la chimica è la scienza infinita che studia i fenomeni della materia, le loro trasformazioni permanenti, la biochimica, scienza dei fenomeni biologici, ne studia il rapporto e la loro convivenza.

Certo è che, fin dal lontano passato a oggi la ricerca ha sempre stimolato chi studia e sviluppa il nuovo, purtroppo però gli interessi di alcuni hanno sempre ostacolato e nascosto quei fenomeni negativi riguardo materiali o sostanze che non rispettano la biocompatibilità.

In questa pagina sono pubblicate relazioni a fronte di ricerche internazionali rivolte a situazioni e patologie dipendenti dall'uso di materiali come in questo caso i metalli o meglio dire le leghe metalliche per la realizzazione di: Dispositivi Medici - Chirurgici e tutti gli oggetti a noi cari come gioielleria ecc.

Il lungo elenco bibliografico mette in evidenza l'importanza del grave problema sentito a livello internazionale in particolar modo nel settore professionale.